Archivi
free counters
Cornucopia 3D
Avvertenze
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul blog sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d'autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.

… mediante lapidazione.

La notizia si commenta da sola!!!

Fonte: corriere.it

Fonte: corriere.it

 

Rabbino ordina di lapidare un cane

L’accusa: «E’ la reincarnazione di un avvocato miscredente»

 

Una corte rabbinica di Gerusalemme ha stabilito che un randagio venga lapidato a morte. Motivo: l’«immonda bestia» sarebbe la reincarnazione d’un  avvocato, un laico impenitente, da più di vent’anni rimasto nella memoria della comunità di Mea Shearim – il quartiere degli ebrei ultraortodossi nella capitale – per avere all’epoca offeso i giudici del rabbinato locale.

Il rabbino  Avraham Dov Levin non appena  ha visto il cane entrare nella Corte rabbinica per gli affari finanziari, ha capito che cosa stava accadendo: l’animale, che è considerato impuro dalla tradizione religiosa  si è piazzato al centro dell’aula e non s’è più mosso. Dopo la sorpresa iniziale, uno dei giudici si sarebbe ricordato d’un episodio analogo: il caso di quel legale che alla fine degli anni Settanta «offese la corte», piazzandosi in quella stessa aula per contestare una decisione e rifiutandosi d’abbandonarla per diversi giorni. «E’ la sua reincarnazione!», ha cominciato a urlare qualcuno. E siccome si sa com’è con queste dicerie, s’è subito trovato chi ci credesse.

Uno dei giudici avrebbe reclutato un gruppetto di ragazzini ordinando loro di lapidare  il malcapitato, ma il cane a quel punto avrebbe intuito la malaparata, preferendo andarsene da sé. Il rabbino Levin nega d’avere dato una simile disposizione. Ma un suo assistente, intervistato dal giornale israeliano Yedioth Ahronot, in parte lo contraddice: «La decisione di lapidare il cane è stata presa dai rabbini a causa dell’offesa arrecata alla corte. Non è stata emessa una vera e propria sentenza ufficiale, ma ai bambini è stato detto di lanciare le pietre contro l’animale. Per cacciarlo via o per abbatterlo. L’intenzione non era di causare sofferenze al cane: piuttosto, l’hanno considerato il modo più appropriato per ‘pareggiare i conti’ con quell’anima che s’è reincarnata nella povera bestiola». L’episodio, come siano andate le cose, ha scatenato le proteste di alcuni animalisti. E venerdì, al consiglio municipale di Gerusalemme, un’attivista che si batte per la difesa dei diritti animali, Rachel Azaria, ha reso pubblica una denuncia urgente indirizzata al procuratore generale: «Bisogna applicare la legge, inquisire e punire i criminali».

Un Commento a “Accade in Israele: cane condannato a morte …”

  • Carla:

    Il fatto si commenta da se. Mi sconvolge invece (pensavo fossero persone dotate di una certa saggezza !) la PROFONDA IGNORANZA di questi Rabbini !!
    Ma come si fa a:
    1) pensare ad una “reincarnazione” (!)
    2) per giunta di un soggetto deceduto quarant’anni fa (!)
    3) per giunta che “avrebbe offeso” alcuni rabbini ( e a questo punto, aggiungo io, A RAGION VEDUTA, viste che cime di rape di cervelli !)
    4) e per giunta in UN CANE !! (povero innocente, che ha avuto solo la sventura di incappare in persone ignoranti !!! )
    Proprio non ho parole . Veramente siamo in balìa di fanatici ignoranti criminali pericolosi !!!
    Se lo avessi davanti penso che lapiderei a lui .
    Bene a fatto l’attivista Rachel Azaria a denunciarli.
    Carla, indignatisiima, da Roma.

Universo Segreto
Universo Segreto
StatPress
Visits today: 225
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Il sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close