Archivi
free counters
Cornucopia 3D
Avvertenze
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul blog sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d'autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.

Desmond Morris, nato in Inghilterra nel 1928, laureato in Zoologia e Filosofia, è considerato uno dei maggiori etologi e sociologi contemporanei. Tra le sue opere letterarie ho deciso di ricordare e proporre ai lettori del Blog il libro “Noi e gli animali – come convivere-” (Titolo originale: “The Animal Contract” 1990)

animal_contract

Gli esseri umani che popolano il nostro pianeta hanno raggiunto/superato i 6 miliardi. Qualche  migliaio di anni fa gli uomini occupavano solo una minima parte del pianeta, tra mille difficoltà che ne mettevano in forse la sopravvivenza.

lemmings

In seguito la specie umana si è diffusa ovunque divenendo  vera e propria infestazione che mette a repentaglio la propria esistenza e quella di molte altre specie animali e vegetali. Nei prossimi 30-40 anni raggiungeremo il numero di 10 miliardi. L’uomo si sta impossessando degli  spazi naturali ad una velocità tale che nel giro di poche generazioni cesserà di esistere.

Gli ambientalisti, spesso inascoltati o considerati degli estremisti, sono sempre più preoccupati per l’inquinamento, il riscaldamento globale … ma esiste un altro crimine che stiamo commettendo: la rottura del “Contratto animale”. Ovvero il contratto che abbiamo stipulato in passato con gli animali e che ci ha reso partner  nella condivisione del pianeta.

the planet earth

Alla base di questo impegno sta l’assunto che ogni specie deve limitare il proprio sviluppo demografico quanto basta per permettere alle altre forme di vita di coesistere. Tutti gli animali, eccetto noi, rispettano i contratti che li legano a doppio filo tra loro.

I predatori  necessitano della preda e la preda ha bisogno della vegetazione. Sovrappopolazione è sinonimo di fame, malattie e nel nostro caso, di miseria e sopraffazione. Ciascuna specie  ha sviluppato un sistema di controllo demografico che impedisce di raggiungere livelli numerici devastanti.

Ad esempio le femmine in condizione di sovraffollamento cessano di riprodursi: gli embrioni non sviluppano o le madri non allevano i figli dopo averli partoriti. Questi eventi riducono la popolazione di un territorio a un livello tale  che riproduzione e procreazione possono ricominciare ad un ritmo normale.

leonessa e leone

A causa della nostra “intelligenza” i cambiamenti e culturali, tecnologici che si sono susseguiti con un andamento esponenziale, hanno determinato un aumento della popolazione esplosivo. Ci portiamo dietro un’eredità genetica tribale il cui messaggio è: “se avete cibo e risorse, moltiplicatevi  quanto vi pare!!!”.

miseria

I progressi tecnologici hanno reso inefficace il meccanismo di controllo demografico. Il risultato è stato il saccheggio indiscriminato del pianeta nel nome di una malintesa concezione di progresso che si accompagna ad una scarsa qualità della vita. Chi ha beneficiato di questo “progresso” è un  numero limitato di persone, ma la maggior parte degli uomini sgobba quotidianamente ed in modo ben più duro e crudele di quanto non lo fosse nell’Età della pietra.

Schiavi moderni

Cupidigia e immaturità obnubilano la nostra mente rendendoci inconsapevoli  di un ‘mportante verità basilare, ovvero siamo animali e in quanto tali interagiamo con tutti i viventi e con l’ambiente circostante. Secondo l’autore del libro siamo arrivati a questo punto quando abbiamo rotto il Contratto animale: quando abbiamo cominciato a sopraffare  e sfruttare i nostri “coinquilini” sono cominciati i guai. In 10mila anni l’uomo ha minato l’equilibrio della natura ad un punto tale che per cambiare in meglio le cose occorrerà un mutamento radicale di mentalità.

La rottura del Contratto animale  ha spezzato quella delicata rete che legava le varie forme di vita. Ciò ha provocato e provoca crisi alimentari, fame, epidemie, senza contare che sono stati messi in forse i cicli della vegetazione. Nello contempo la nostra specie si è profondamente estraniata dagli altri animali sì da non pensare secondo i normali schemi biologici.

avatar pandora

È necessario smetterla di violare il Contratto e reprimere le pulsioni di dominazione e prevaricazione sulle altre specie condannandole all’estinzione.

Per  cercare  di riporre rimedio occorre valutare con lucidità ed attenzione una serie di fatti. Qual è nel suo complesso la storia del Contratto animale? Quando è stato “stipulato” e come è stato violato? Grazie a quest’analisi è possibile trovare un modo  per ripristinare il contratto prima che sia troppo tardi? Queste sono le domande cui Desmond Morris cerca di rispondere per mezzo del libro proponendo un prezioso decalogo  “di buona convivenza” con gli animali. Termino con un caloroso invito alla lettura di questo saggio, abbandonando, seppur temporaneamente le stupidaggini che i media ed in particolar modo quelli televisivi ci propinano quotidianamente narcotizzando la nostra mente.

I Commenti sono chiusi

Universo Segreto
Universo Segreto
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Il sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close