Archivi
free counters
Cornucopia 3D
Avvertenze
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul blog sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d'autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.
Revolever Map

La composizione del veleno degli ofidici è molto varia, presentano un elevato tenore in proteine (circa il 90%) con attività enzimatica, molecole organiche non proteiche e sostanze inorganiche.

Immagine anteprima YouTube

Molecole organiche di natura proteica e amminoacidica

Nei veleni sono stati identificati almeno ventisei enzimi di cui dodici comuni a tutti i veleni ofidici, altri sono esclusivi di alcuni generi o di alcune specie.

In tutti i veleni ofidici ritroviamo:

fosfolipasi A2, fosfodiesterasi, fosfomonoesterasi, L-amminoacido-ossidasi, 5’-nucleotidasi, nucleasi (ribonucleasi e deossiribonucleasi), adenosintrifosfatasi, ialuronidasi, NAD-nucleosidasi, arilamidasi e peptidasi.

Esclusivi dei viperidi abbiamo:

endopeptidasi, arginina-estere idrolasi, chininogenasi, enzima ad azione trombino simile, enzimi coinvolti nella coagulazione del sangue: attivatore del fattore X, attivatore della protrombina.

In generale è possibile affermare che il contenuto proteico di veleno aumenta sino alla maturità sessuale. Anche se alcune attività enzimatiche tendono a diminuire dalla nascita allo stato adulto (ess. Enzima trombino simile, fosfodiesterasi, …)

In diversi veleni, oltre ad essere stati isolati amminoacidi liberi, sono presenti peptidi a basso peso molecolare. In base all’azione esplicata i peptidi, sono distinti in due gruppi:

  1. Peptidi ad attività antichinasica che potenziano la bradichinina.
  2. Peptidi che inibiscono la conversione di angiotensina I in angiotensina II

In più veleni sono stati isolati amminoacidi liberi.

veleno

Molecole organiche non proteiche

Sono presenti colesterolo, lecitine; in alcune specie sono presenti monosaccaridi (galattoso, glucoso, mannoso e riboso).

Può essere presente riboflavina, sottoforma di FAD (flavin-adenin-dinucleotide) responsabile del colore giallo caratteristico di molti veleni ofidici. Sono state isolate basi azotate.

Altri composti che possono essere presenti sono acetilcolina, bufotenina a catecolammine 8adrenalina e noradrenalina), serotonina.

Costituenti inorganici

Ioni metallici e non metallici. Tra i cationi più abbondanti abbiamo Na+, K+, Ca2+ e Zinco. Tra gli anioni abbiamo cloruri e fosforo in diverse forme.

Lascia un Commento

Universo Segreto
Universo Segreto
febbraio: 2010
L M M G V S D
« gen   mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
Babel Fish
La scuola che funziona
Imagozoon
Holding a Heart666553738761481595655698183722664697225262071
StatPress
Visits today: 101
FireStats
  • Pagine mostrate: 1078873
  • Visitatori unici: 333436
  • Pagine visitate nelle ultime 24 ore: 2048
  • Visitatori unici nelle ultime 24 ore: 268
FireStats icon Powered by FireStats
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
http://www.wikio.it
  • What 'fecal prints' of microbes can tell us about Earth's evolution
    The distinctive “fecal prints” of microbes potentially provide a record of how Earth and life have co-evolved over the past 3.5 billion years as the planet’s temperature, oxygen levels, and greenhouse gases have changed. But, despite more than 60 years of study, it has proved difficult, until now, to “read” much of the information contained in this record.
  • Genetic study sheds light on how mosquitoes transmit malaria
    The genetic sequencing of 16 mosquitoes (Anopheles genus) -- the sole carriers of human malaria -- has been determined by an international team of researchers, providing new insight into how they adapt to humans as primary hosts of the disease.
  • Dirty pool: Soil's large carbon stores could be freed by increased CO2, plant growth
    An increase in human-made carbon dioxide in the atmosphere could initiate a chain reaction between plants and microorganisms that would unsettle one of the largest carbon reservoirs on the planet -- soil. Researchers developed the first computer model to show at a global scale the complex interaction between carbon, plants and soil.
  • Mechanics of cells' long-range communication modeled by researchers
    Interdisciplinary research is showing how cells interact over long distances within fibrous tissue, like that associated with many diseases of the liver, lungs and other organs. By developing mathematical models of how the collagen matrix that connects cells in tissue stiffens, the researchers are providing insights into the pathology of fibrosis, cirrhosis […]
  • Bacteria could be rich source for making terpenes
    Bacteria could be a rich source of terpenes, the natural compounds common in plants and fungi that are used to make drugs, food additives, perfumes, and other products, a new study suggests. The work also suggests that there may be many new terpene products as yet undiscovered hiding in the genomes of bacteria.
FireStats icon Powered by FireStats