Archivi
free counters
Cornucopia 3D
Avvertenze
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul blog sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d'autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.
Revolever Map

La composizione del veleno degli ofidici è molto varia, presentano un elevato tenore in proteine (circa il 90%) con attività enzimatica, molecole organiche non proteiche e sostanze inorganiche.

Immagine anteprima YouTube

Molecole organiche di natura proteica e amminoacidica

Nei veleni sono stati identificati almeno ventisei enzimi di cui dodici comuni a tutti i veleni ofidici, altri sono esclusivi di alcuni generi o di alcune specie.

In tutti i veleni ofidici ritroviamo:

fosfolipasi A2, fosfodiesterasi, fosfomonoesterasi, L-amminoacido-ossidasi, 5’-nucleotidasi, nucleasi (ribonucleasi e deossiribonucleasi), adenosintrifosfatasi, ialuronidasi, NAD-nucleosidasi, arilamidasi e peptidasi.

Esclusivi dei viperidi abbiamo:

endopeptidasi, arginina-estere idrolasi, chininogenasi, enzima ad azione trombino simile, enzimi coinvolti nella coagulazione del sangue: attivatore del fattore X, attivatore della protrombina.

In generale è possibile affermare che il contenuto proteico di veleno aumenta sino alla maturità sessuale. Anche se alcune attività enzimatiche tendono a diminuire dalla nascita allo stato adulto (ess. Enzima trombino simile, fosfodiesterasi, …)

In diversi veleni, oltre ad essere stati isolati amminoacidi liberi, sono presenti peptidi a basso peso molecolare. In base all’azione esplicata i peptidi, sono distinti in due gruppi:

  1. Peptidi ad attività antichinasica che potenziano la bradichinina.
  2. Peptidi che inibiscono la conversione di angiotensina I in angiotensina II

In più veleni sono stati isolati amminoacidi liberi.

veleno

Molecole organiche non proteiche

Sono presenti colesterolo, lecitine; in alcune specie sono presenti monosaccaridi (galattoso, glucoso, mannoso e riboso).

Può essere presente riboflavina, sottoforma di FAD (flavin-adenin-dinucleotide) responsabile del colore giallo caratteristico di molti veleni ofidici. Sono state isolate basi azotate.

Altri composti che possono essere presenti sono acetilcolina, bufotenina a catecolammine 8adrenalina e noradrenalina), serotonina.

Costituenti inorganici

Ioni metallici e non metallici. Tra i cationi più abbondanti abbiamo Na+, K+, Ca2+ e Zinco. Tra gli anioni abbiamo cloruri e fosforo in diverse forme.

Lascia un Commento

Universo Segreto
Universo Segreto
febbraio: 2010
L M M G V S D
« gen   mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
Babel Fish
La scuola che funziona
Imagozoon
DSC_5777Cute Water VoleGiant AnteaterMalcom
StatPress
Visits today: 129
FireStats
  • Pagine mostrate: 609188
  • Visitatori unici: 266869
  • Pagine visitate nelle ultime 24 ore: 1371
  • Visitatori unici nelle ultime 24 ore: 292
FireStats icon Powered by FireStats
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
http://www.wikio.it
  • Eavesdropping on brain cell chatter
    Everything we do -- all of our movements, thoughts and feelings -- are the result of neurons talking with one another, and recent studies have suggested that some of the conversations might not be all that private. Brain cells known as astrocytes may be listening in on, or even participating in, some of those discussions. But a new mouse study suggests that […]
  • Theoretical biophysics: Adventurous bacteria decide how to preserve species?
    To reproduce or to conquer the world? Surprisingly, bacteria also face this problem. Theoretical biophysicists have now shown how these organisms should decide how best to preserve their species.
  • Hide and seek: Revealing camouflaged bacteria
    A protein family that plays a central role in the fight against the bacterial pathogen Salmonella within the cells has been discovered by researchers. The so called interferon-induced GTPases reveal and eliminate the bacterium's camouflage in the cell, enabling the cell to recognize the pathogen and to render it innocuous.
  • Ancient shark fossil reveals new insights into jaw evolution
    The skull of a newly discovered 325-million-year-old shark-like species suggests that early cartilaginous and bony fishes have more to tell us about the early evolution of jawed vertebrates -- including humans -- than do modern sharks, as was previously thought. The new study shows that living sharks are actually quite advanced in evolutionary terms, despite […]
  • Sperm meets egg: Protein essential for fertilization discovered
    Interacting proteins on the surface of the sperm and the egg have been discovered by researchers. These are essential to begin mammalian life. These proteins, which allow the sperm and egg to recognize one another, offer new paths towards improved fertility treatments and the development of new contraceptives.
FireStats icon Powered by FireStats