Archivi
free counters
Cornucopia 3D
Avvertenze
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul blog sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d'autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.
Revolever Map

Questa malattia parassitaria è così chiamata in seguito alla credenza che venisse trasmessa dalle paludi e dall’aria stagnante, la malaria attualmente minaccia oltre il 40% della popolazione mondiale, in particolare  quella residente in Paesi poveri. Con la  tubercolosi e l’Aids,  è una delle principali emergenze sanitarie del pianeta. Oltre a essere endemica in molte regioni del pianeta, è  sempre più frequentemente importata anche in zone dove è stata eradicata, grazie ai movimenti migratori e ai viaggi.

Eziologia

Il patogeno è un protozoo del genere Plasmodium, il cui’isolamento  risale a fine Ottocento, quando si comprese che la malattia si manifestava in seguito alla puntura della femmina della zanzara Anopheles. Attualmentei la malaria è endemica in vaste zone dell’Asia, Africa, America latina e centrale, isole caraibiche e Oceania, con circa 500 milioni di malati ogni anno e quasi un milione di morti.

Immagine anteprima YouTube

Si conoscono  quattro tipi di Plasmodio responsabili della malaria nell’uomo: Plasmodium vivax e P. falciparum (i più comuni e mortali), P. malariae e P. ovale. Il Plasmodium falciparum nell’Africa subsahariana è una delle cause dell’alta mortalità nella zona. Nell’uomo, il parassita va incontro diversi stadi di sviluppo e eludendo le difese del sistema immunitario infetta eritrociti e  fegato, fino a raggiungere una forma che è capace di infettare un’altra zanzara quando punge la persona malata. Circa due settimane dopo essere stato “ospitato” dalla zanzara, e avere subito ulteriori trasformazioni, il plasmodio è nuovamente in grado di infettare un altro essere umano.

I sintomi della malattia si manifestano da 9 a 14 giorni dopo la puntura da parte della zanzara  e tipicamente sono: febbre alta, mal di testa, vomito, sudorazioni e tremori e altri sintomi simili analoghi a quella dell’influenza. La malaria diventa  letale in seguito alla distruzione dei globuli rossi , causando una forte anemia e ostruzione dei capillari che irrorano il cervello (in questo caso si tratta di malaria cerebrale) o altri organi vitali. I sintomi della malaria si presentano ciclicamente seguendo il ciclo stesso di riproduzione e moltiplicazione del parassita. In qualche caso però, il Plasmodium falciparum può uccidere, se non trattato, senza dare i sintomi ciclici.

Epidemiologia

La malaria minaccia la salute di metà della popolazione mondiale infettando ogni anno 500 milioni di persone, uccidendone circa 1 milione. Interessa  oltre 100 Paesi in tutto il mondo e ogni 30 secondi un bambino muore a causa di questa malattia. La regione più colpita è l’Africa subsahariana, ma anche Asia, America Latina, Medio Oriente e alcune aree dell’Europa sono a rischio.

Per saperne di più

Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute

Stop malaria

Un Commento a “Epidemiologia della malaria”

  • Malaria: diffusione e prevenzione delle malattie tropicali in genere, schede aggiornate di ciascun paese interessato dalla malattia.

Lascia un Commento

Universo Segreto
Universo Segreto
gennaio: 2010
L M M G V S D
« dic   feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Babel Fish
La scuola che funziona
Imagozoon
Amsterdam_Jan_2014_002.jpgEyes & Ears12/17 IIWood Stork 2
StatPress
Visits today: 81
FireStats
  • Pagine mostrate: 1060698
  • Visitatori unici: 331673
  • Pagine visitate nelle ultime 24 ore: 2628
  • Visitatori unici nelle ultime 24 ore: 263
FireStats icon Powered by FireStats
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
http://www.wikio.it
  • Biologist reveals how whales may 'sing' for their supper
    Humpback whales have a trick or two, when it comes to finding a quick snack at the bottom of the ocean. Even in the dark. Biologists have been studying these unique feeding behaviors. Her research emphasizes the importance of specific auditory cues that these mammoth creatures emit, as they search the deep ocean for their prey.
  • Big-data analysis reveals gene sharing in mice
    Scientists have detected at least three potential hybridization events that likely shaped the evolutionary paths of 'old world' mice, two in recent times and one in the ancient past. The researchers think these instances of introgressive hybridization -- a way for genetic material and, potentially, traits to be passed from one species to another th […]
  • Probing bacterial resistance to a class of natural antibiotics
    Researchers explore the clever techniques used by bacteria to survive destruction from antimicrobial peptides -- potent defense factors produced by all living forms, including humans.
  • NASA Goddard instrument makes first detection of organic matter on Mars
    Scientists have made the first definitive detection of organic molecules at Mars. The surface of Mars is currently inhospitable to life as we know it, but there is evidence that the Red Planet once had a climate that could have supported life billions of years ago.
  • DNA sheds light on why largest lemurs disappeared: Giant lemurs' demise linked to size, low numbers
    DNA from giant lemurs that lived thousands of years ago in Madagascar may help explain why the animals went extinct, and what makes some lemurs more at risk today. Scientists have little doubt that humans played a role in the giant lemurs' demise. By comparing the species that died out to those that survived, scientists hope to better predict which lemu […]
FireStats icon Powered by FireStats