Archivi
free counters
Cornucopia 3D
Avvertenze
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul blog sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d'autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.

Il tarsio spettro o maki folletto è un primate della famiglia dei Tarsiidae.

 

Regno:  Animale

Phylum: Cordati

Subphylum: Vertebrati

Classe: Mammiferi

Ordine: Primati

Sottordine: Aplorrini

Famiglia: Tarsiidae

Genere: Tarsius

SpecieTarsius tarsier  (Erxleben, 1777 Tarsio spettro -)

Distribuzione geografica

Bassipiani delle isole di Sulawesi e Selayar, in Indonesia: predilige  le aree di foresta pluviale rasa al suolo e poi ricresciuta. Si ritiene che questa  preferenza dipenda alla maggiore presenza di bambù, cespugli ed erba alta caratteristici di questo tipo di foresta rispetto a quella di tipo primario.

Dimensioni e morfologia

Ha una lunghezza di  circa 35 cm  , di cui i due terzi sono occupati dalla lunga coda, con un peso compreso tra gli 80 e i 170 g.

Il mantello  di colore grigiastro di aspetto vellutato. La coda  priva di peli simile  quella dei ratti,  presenta un ciuffo terminale di peli scuri.

I bulbi oculari sono enormi: l’orbita oculare è di dimensioni maggiori dell’encefalo.Le grandi dimensioni compensano l’assenza del tapetum lucidum,  membrana riflettente posta sulla superficie interna dell’occhio generalmente presente negli animali che conducono vita notturna. Gli occhi sono inoltre fissi nelle orbite: ciò fa sì che il tarsio può ruotare la sua testa di oltre 180°.
Le orecchie simili a cucchiaini  poggiano su corti manici tubolari.
Testa e  corpo assieme raggiungono a mala pena la metà della lunghezza delle zampe posteriori allungate,  divise in coscia, stinco e mano, e di lunghezza più o meno uguale l’uno all’altro (la parola “tarsio” deriva dal tarso assai allungato). La tibia e la fibula sono fuse assieme nella parte distale, così da assorbire l’urto creato dall’impatto con una superficie mentre la proscimmia salta di ramo in ramo.
Le mani presentano dita  allungate e provviste polpastrelli rigonfi, che permettono una presasalda anche su superfici levigate. L’indice ed il medio presentano  artigli specializzati nell’attività di grooming .

Comportamento

Animale dalle abitudini crepuscolari e notturne: di giorno riposa in posizione verticale  nel folto del fogliame , al tramonto appena sveglio cura la propria igiene cominciando nettarsi il pelo. Dopo aver compiuto queste operazioni, va alla ricerca di prede sino al mattino.
Grazie alle lunghe zampe posteriori, è in grado di spiccare balzi anche di 6 m. conduce una vita solitaria o in piccoli gruppi familiari.  Ogni individuo  possiede un proprio territorio che difende strenuamente se necessario: malgrado ciò, gli scontri sono  rari, poichè  marcano ripetutamente i limiti dei propri territori con urina e secrezioni ghiandolari.

 

Riproduzione

Una volta formata la coppia è monogama. L’accoppiamento avviene durante tutto l’anno. La gestazione ha una durata di circa 6 mesi, al termine della quale è dato alla luce un soloo cucciolo,  ricoperto di pelo e con gli occhi aperti. Il periodo di allattamento e svezzamento è breve, dura circa 45 giorni al termine dei quali i giovani sono capaci di cacciare le prede.

Longevità

Non sono disponibili dati sulla longevità di questa specie, in un’altra specie congenere , Tarsius syrichta, individui allevati in cattività sono vissuti sino a 13 anni.

Tarsius syrichta

 

Comunicazione interspecifica

La comunicazione tra gli individui è caratterizzata da molti elementi..La comunicazione tattile tra madre e figlio e quella tra i partners riveste particolare importanza. Inotre, questi animali utilizzano complesse vovalizzazioni per comunicare. Inolttre  delimitano il territorio marcandolo con le urine o con secrezioni ghiandolari.

Abitudini alimentari

Sono animali prevalentemente insettivori, che integrano la dieta anche con piccoli vertebrati. La dieta consiste di formiche, scarafaggi, scorpioni, lucertole, serpenti e pipistrelli che sono in grado di catturare al volo.

Predatori

Sono cacciati da predatori notturni quali gli strigiformi.

Ruolo ricoperto nell’ecosistema

Svolgono un ruolo importante nel controllo delle popolazioni delle loro prede. Nello stesso tempo essendo prede di altri animali rivestono una notevole influenza nei confronti dei loro predatori. 

Per ulteriori informazioni

Animal Diversity Web

Vedi sul blog

Tarsio

Un Commento a “Il Tarsio spettro”

  • Asia:

    i tarsi spettri sono degli animali stupendi che nn si trovano raramente ma mediamente e ovviamente non in qualsiasi posto.losro dall’aspetto sembrano dolci…mmm…ma… guai a chi li tocca che loro reagiscono subito senza farti un gran male anche se dipende dalle occasioni…questo era in più,del resto è una pagina bella che li definisce in qualsiasi tipo ma direi di approfondire gli argomenti per fare diventare la cosa ancora più interessANTE e direi di cambiare il colore azzurro dello sfondo con uno verde e azzurro darà più interesse ciao ciao…a tutti…spero che leggerete…

Universo Segreto
Universo Segreto
StatPress
Visits today: 1
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Il sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close